Ai giorni d’oggi sono molte le pratiche diffuse per una corretta igiene orale; all’interno della bocca, infatti, possono formarsi funghi, virus, batteri e altri parassiti che vanno a intaccare le gengive e i denti ma, più in generale, possono essere causa di infiammazioni e infezioni che si sviluppano in tutto il corpo.

Per questo motivo i dentisti e gli operatori del settore invitano ognuno di noi a spazzolare bene i denti dopo ogni pasto, utilizzare il filo interdentale ed effettuare degli sciacqui con il colluttorio. Nonostante queste indicazioni vengano seguite dalla maggior parte delle persone, vi sono alcuni fastidi che possono essere legati a una igiene orale non sufficientemente approfondita e per i quali non si è ancora trovato rimedio.

A questo proposito, la natura e i suoi frutti possono venirci in aiuto; qualche goccia di olio di oliva, girasole, cocco, sesamo risulta utile, ad esempio, per arginare alcuni fastidi come l’alitosi ma anche per eliminare ed espellere dal corpo batteri e tossine. Questa è una tecnica molto antica della medicina ayurvedica che prende il nome di oil polling, la cui applicazione è tanto semplice quanto benefica per il nostro organismo. Consiste infatti nel versare in bocca un cucchiaio di olio vegetale e far sì che questo passi in ogni parte della cavità orale per circa dieci o quindici minuti senza ingerirlo, per poi terminare la pulizia sciacquando la bocca con acqua fresca e utilizzando uno spazzolino.

Questo trattamento risulta un efficacissimo metodo antivirale e antibatterico che può essere effettuato ogni qualvolta lo si desideri e che comporta vantaggi immediati quali denti più bianchi, alito più fresco e gengive più sane. A lungo andare, inoltre, molte persone hanno notato un miglioramento del sonno, una diminuzione dei sintomi legati alle allergie e all’emicrania così come dei problemi articolari o legati all’apparato digerente e respiratorio. Questa tecnica risulta quindi benefica per tutto l’organismo e di aiuto anche per quanto riguarda le sindromi da debolezza immunitaria, così come per lo stress. Proprio grazie a tutti questi benefici che sono stati anche scientificamente dimostrati, praticare tale procedura è consigliato anche alle donne in gravidanza, le quali sono soggette, nel corso dei nove mesi, a continui cambiamenti fisiologici che potrebbero influenzare lo stato di salute della loro cavità orale e, in generale, di tutto l’organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun banner visualizzato